Leister: le saldatrici Uniroof semplificano il lavoro sui tetti

Leister

Le saldatrici automatiche Uniroof di Leister sono da tempo una delle soluzioni più apprezzate da chi utilizza membrane termoplastiche per impermeabilizzare le coperure. Ora l’azienda presenta le nuove versioni Uniroof 300 e 700 che, oltre ad essere ancora più performanti, riducono drasticamente le possibilità di errori di saldatura.

L’obiettivo principale che ha guidato il rinnovamento della gamma è stato la riduzione delle probabilità di errori imputabili all’uomo o al macchinario. Per questo motivo Leister ha  implementato sia nel modello base Uniroof 300 che nel modello di punta Uniroof 700 la gestione dei parametri di saldatura ad anello chiuso, oltre a rivedere completamente il disegno dell’ugello di saldatura.

Nel modello top di gamma sono presenti funzionalità aggiuntive, tra cui un sistema di monitoraggio che avvisa l’operatore in caso di saldatura con parametri non corretti ed il Leister Quality System (o LQS), che consente di registrare i parametri di saldatura geo-localizzando la stessa con dati GPS. Questo sistema, già ampiamente utilizzato nel settore delle impermeabilizzazioni in discarica, è utile per individuare eventuali errori così come per generare report per documentare la qualità del lavoro alla committenza.

Uniroof 300

Per chi si avvicina al mondo delle coperture per l’impermeabilizzazione dei tetti realizzate con materiali termoplastici (principalmente PVC e TPO), Uniroof 300 è la soluzione ideale. 

Evoluzione naturale della saldatrice Uniroof ST, la versione 300 riduce al minimo i difetti di saldatura dovuti all’errore umano (che sono il 40% delle problematiche riscontrate nella pratica) o imputabili al macchinario (20%).

Questo grazie ad aspetti innovativi quali la tecnologia ad anello chiuso per la gestione dei parametri di saldatura; completamente ridisegnata, rende più affidabile l’operatività evitando discontinuità dovute a fluttuazioni nella tensione di cantiere.

La facilità d’uso che ha sempre caratterizzato Uniroof ST è ancora più evidente nella nuova 300, grazie al display digitale di facile lettura.

È disponibile un nuovo ugello “grip” brevettato per la saldatura di membrane particolarmente ostiche da saldare, che fino a questo momento richiedevano solvente; con questo ugello il solvente non è più necessario, rendendo il processo più affidabile e sostenibile.

Anche l’ugello standard è stato migliorato; un particolare dentino facilita l’inserimento tra i due teli e grazie all’aumentata superficie di contatto è stato ottimizzato il trasferimento di calore al manto sintetico la saldatura. Il risultato è da un lato una velocità di saldatura superiore e dall’altro l’ottenimento di cordoni di saldatura di maggior larghezza.

Uniroof 300 si differenzia dalla precedente versione anche per la maggior velocità di saldatura ed efficienza energetica: è in grado di saldare 2,8 metri al minuto a una temperatura di 580°C, un ulteriore miglioramento rispetto alle prestazioni già notevoli (2,5 metri a 620°C) della Uniroof AT, con conseguente risparmio di tempo e minor dispendio di energia.

Le membrane termoplastiche si prestano ad essere saldate con saldatrici automatiche come Uniroof 300: riducendo il numero di azioni ripetitive da eseguire manualmente, diminuiscono le possibilità di errore e si ottengono maggiori garanzie di precisione. 

La grande flessibilità di Uniroof 300 permette di effettuare saldature anche vicino ai parapetti, in spazi angusti e persino all’interno di canali di gronda, grazie all’ingombro del carrello posteriore molto contenuto. 

Leister
Uniroof 300

La riduzione delle saldature eseguite a mano, oltre ai benefici in termini di costi e tempi di realizzazione, porta a un’affidabilità delle saldature decisamente maggiore e quindi a una miglior qualità dell’impermeabilizzazione.

Gli acquirenti di Uniroof 300 possono scaricare liberamente l’app myLeister, che permette di memorizzare i parametri di saldatura (temperatura, volume dell’aria e velocità), in modo da poterne verificare la correttezza e riprodurli facilmente, a maggior garanzia di saldature perfette e ripetibili. 

Chi non ha mai posato prima membrane impermeabilizzanti termoplastiche può trovare in Uniroof 300 un valido aiuto per familiarizzare senza difficoltà con questa nuova tecnica. 

Le sue caratteristiche di ergonomia e leggerezza, unite a un funzionamento intuitivo, rendono Uniroof 300 ideale per un primo approccio a questo tipo di impermeabilizzazione. Rispetto alla maggior parte delle saldatrici con prestazioni analoghe, Uniroof 300 è più facile da maneggiare grazie ai soli 17 kg di peso. 

Il suo campo di applicazione ideale è su tetti fino a 5000 metri quadri, ma anche nei grossi cantieri Uniroof trova il suo spazio, per tante saldature che senza questa pratica e maneggevole soluzione verrebbero ancora eseguite manualmente. 

Uniroof 700, ancora più evoluta

Chi ha già maturato esperienza nell’impermeabilizzazione con membrane termoplastiche apprezzerà particolarmente le caratteristiche della nuova Uniroof 700, erede dell’ottima Uniroof AT.

La nuova Uniroof 700 offre tutti i vantaggi descritti per Uniroof 300, ovvero tecnologia ad anello chiuso per la gestione dei parametri di saldatura, motori brushless (nel caso della Uniroof 700 sia il motore di azionamento che quello della soffiante sono senza carboncini), ma non solo: la nuova Uniroof 700 si posiziona al top di gamma grazie all’innovativo sistema Leister Quality System (LQS) che permette un accurato monitoraggio della qualità di saldatura.

Con la tensione di alimentazione leggibile da display, risulta immediato verificare che la saldatrice lavori sempre nelle condizioni ottimali. Uniroof 700 permette anche di generare rapporti con i dati di saldatura e gestirli tramite l’app myLeister; il rilevatore GPS rende il lavoro geolocalizzabile e l’operatore può fornire le coordinate precise delle saldature, permettendo una verifica puntuale del lavoro svolto. Altra funzione estremamente utile è il Monitor Welding Assistant, un vero e proprio assistente sul campo, sempre vigile e pronto a segnalare all’operatore, sia acusticamente che tramite indicazioni visibili a display eventuali scostamenti dai corretti parametri di saldatura.Con Uniroof 700 la qualità di saldatura è controllabile anche da remoto: la funzione Live View abbinata all’app myLeister permette ai responsabili di cantiere di controllare i parametri di saldatura di Uniroof 700 direttamente sul proprio smartphone o tablet.  

Leister
Uniroof 700

Uniroof 700 dispone inoltre di un sistema integrato di gestione dell’alimentazione (Power Management): in caso di cali eccessivi della tensione in cantiere le prestazioni di saldatura dell’Uniroof 700 non diminuiscono. Piuttosto che fornire una qualità di saldatura insufficiente, infatti, Uniroof 700 si arresta, in attesa che sia possibile riprendere la saldatura con le dovute garanzie di qualità.

L’innovativa funzione Eco Mode permette a Uniroof 700 di operare in modalità di risparmio energetico con una riduzione dei consumi non necessari che può arrivare al 30% una volta che la temperatura e il volume dell’aria abbiano raggiunto le loro capacità massime.

Uniroof 700 raggiunge infine anche una velocità di saldatura ancora maggiore (3,3 metri al minuto a 580°C) rispetto alla precedente versione.

Share Post