domenica, 7 Marzo 2021

Sea Vision: Il sistema iperspettrale HarleNIR, tra evoluzione e innovazione

L’ultima tecnologia messa a punto da SEA Vision utilizza la tecnologia iperspettrale per effettuare  analisi qualitative e quantitative sulla  composizione chimica dei farmaci, consentendo di rilevare il contenuto chimico dei prodotti durante il processo di confezionamento.

Matteo Barbieri – Business Development Manager di SEA Vision – racconta l’ultima tecnologia nata in casa SEA Vision: HarleNIR.  

Ci racconta di SEA Vision e delle soluzioni tecnologiche che offre?

L’azienda si occupa di sistemi di visione industriale per l’industria farmaceutica  e opera all’interno di questo settore in tre principali business units:

  1. Software di visione per il controllo qualitativo di prodotti farmaceutici (forma e colore) e del packaging esteriore (conformità qualitativa e controllo codici/caratteri stampati);
  2. Soluzioni per la tracciabilità del farmaco lungo la catena distributive;
  3. Suite Software 4.0 per la gestione delle linee di confezionamento dei farmaci e per la raccolta e l’analisi dei dati di processo (data collection e Business Intelligence).

La qualità delle tecnologie sviluppate, unita alla expertise ventennale nell’ambito farmaceutico, hanno portato SEA Vision ad essere riconosciuta come  punto di riferimento dell’eccellenza  italiana nel mondo e si colloca a livello globale tra i primi cinque leader di mercato nel settore della visione artificiale.

Sistema di visione per il controllo presenza, forma e colore

Il controllo qualitativo dei farmaci è da sempre il vero core business di SEA Vision…

La prima business unit, quella della visione appunto, è quella storica – nata proprio con SEA Vision, negli stessi anni della sua fondazione – e comprende tutti i controlli qualitativi utilizzati nelle linee di produzione e confezionamento del farmaco.

Fin dal 1995 abbiamo sempre sviluppato al nostro interno tutta l’algoritmica  sui cui abbiamo costruito i nostri sistemi.Ciò ci ha sempre consentito di fornire soluzioni flessibili per soddisfare le più disparate esigenze di controllo, su linee esistenti o nuove. Grazie a questa caratteristica è inoltre possibile garantire sempre la retro-compatibilità dei sistemi. Lo sviluppo in house di tutto il software, algoritmi inclusi, è un aspetto chiave trasversale su tutta la nostra offerta tecnologica e ci accompagna da sempre, è questo il segreto del successo.

Il primo applicativo che abbiamo sviluppato è stato  Harlequin, il primo sistema al mondo a colori per la verifica di forma, dimensione e colore di solidi orali su macchine blisteratrici. Per fare solo un esempio, possiamo identificare con questo software le caratteristiche geometriche e pittoriche di tutti gli oggetti negli alveoli del blister in una macchina termoformatrice.

HarleNIR, esempio di installazione su macchine contatrici

Quest’anno quindi Harlequin compie 25 anni. Come si è evoluto questo sistema di visione per stare al passo con i tempi?  

Un’evoluzione tecnologica significativa di Harlequin ha riguardato l’introduzione della  tecnologia NIR. Fino all’anno scorso il software controllava solo l’aspetto esteriore del farmaco, per così dire quello “visibile”; adesso il sistema che prende il nome di HarleNIR utilizza la tecnologia iperspettrale per effettuare  analisi qualitative e quantitative sulla composizione chimica dei farmaci.

Questo nuovo e innovativo sistema di  controllo non distruttivo  è basato sulla  tecnologia iperspettrale, ed è stato sviluppato per rilevare il contenuto chimico dei prodotti durante il processo di confezionamento. Il sistema è stato progettato per evitare accidentali  mix-up  di prodotti con una diversa composizione chimica, o un  errato dosaggio  di principio attivo.

Combinando controlli divisione standard con un sistema iperspettrale che lavora nella banda del vicino infrarosso (Near Infra Red), HarleNIR è capace di  identificare e scartare i prodotti che appaiono simili agli altri per forma e colore ma che in realtà presentano difetti di composizione chimica, dosaggio o una  concentrazione errata o non uniforme del principio attivo (API). E il tutto, avviene direttamente in linea, senza limitare in alcun modo le performance della macchina.

HarleNIR supporta diverse tecnologie per il controllo di una gamma variegata di prodotti, da prodotti solidi, a polveri e liquidi: camere iperspettrali, spettrometri a fibra ottica o laser. Con questa soluzione la total quality del prodotto è garantita, ed è possibile evitare rischiosi recall di prodotto, uno dei problemi più sentiti nell’industria farmaceutica.

Il software permette un’analisi in tempo reale e consente all’azienda di modificare anche i parametri di processo retroattivamente. Su una comprimitrice che produce compresse, ad esempio, permette di retro-azionare il processo in maniera attiva per  correggere le influenze ambientali o eventuali problematiche di processo.

I grandi vantaggi offerti da questo innovativo sistema sono quindi la possibilità di effettuare l’ispezione del 100% dei prodotti direttamente in linea  riducendo gli scarti (a integrazione delle procedure standard per testare i prodotti nei laboratori prima di iniziare la produzione, contribuendo a migliorare le prestazioni complessive di linea aumentandone l’efficenza e la produttività.

HarleNIR, identificazione di prodotti con principio attivo/dosaggio, rilevati tra pastiglie in blister con stessa forma e colore

Parliamo di tracciabilità. È un tema che ha toccato da vicino aziende come la vostra che sviluppano software per la serializzazione del farmaco. Come avete affrontato la sfida?

Da circa 10 anni SEA Vision si confronta con tutti gli aspetti legati alla tracciabilità del farmaco, ed abbiamo creato una soluzione di Track & Trace che gestisce dal  livello 1 al livello 4  previsto dalle normative per la lotta alla contraffazione in diversi Paesi.

Si tratta di un sistema che  copre l’intero processo di serializzazione del farmaco: comunica infatti con i sistemi di campo sulle linee e con gli enti regolatori o le Autorità Nazionali, rendendo possibile sia la ricezione dei codici seriali univoci da stampare e controllare su ogni confezione, sia la loro trasmissione a fine processo.

Vista dal basso della telecamera iperspettrale di HarleNIR

Come l’innovazione digitale sta cambiando il settore  farmaceutico in ottica 4.0?

Per il settore farmaceutico si stanno aprendo nuove opportunità in chiave data driven, proprio sulla spinta di fenomeni di settore, come ad esempio la compliance normativa o di mercato, come le crescenti dinamiche competitive.

Per questo, negli ultimi anni accanto al business tradizionale legato al controllo qualità e ai sistemi di visione e serializzazione, abbiamo sviluppato la nostra terza Business Unit dedicata al mondo 4.0. È in questo ambito che si colloca la nuova Software Suite dedicata al mondo Pharma 4.0 sviluppata da SEA Vision, fulcro della strategia aziendale attuale: yudoo.

La Suite racchiude in sé numerose funzionalità necessarie per eseguire tutte le principali attività operative che caratterizzano gli ambienti produttivi farmaceutici, per una  gestione totale della produzione e funzionalità di analisi avanzate. Si tratta infatti di un ecosistema modulare che consente non solo la gestione centralizzata di tutte le operazioni, ma anche il controllo dei processi  produttivi, la raccolta dei dati e la loro analisi tramite strumenti di Business Intelligence.

Ultime News

Nuove date per OMC 2021

Ora è confermato: OMC 2021 si sposta al 28-30 settembre 2021 ma la sede rimane la stessa: la città...

Moretto tra gli speaker di Pack Passion Week 2021

Moretto tra gli speaker dell’edizione digitale 2021 di Pack Passion Week, la tre giorni di conferenze, workshop e networking dedicati al mondo del PET....

Fastener Fair Italy 2021 posticipata

In seguito alla comunicazione relativa al rinvio di Fastener Fair Stuttgart, Mack Brooks Exhibitions ha annunciato nuove date per Fastener Fair Italy. L’evento, in...

Stihl Award, RadiciGroup “Supplier of the Year 2019”

Radici Novacips Spa, società con sede in Italia (Chignolo d’Isola – Bergamo) e appartenente alla Business Area RadiciGroup High Performance Polymers, ha ricevuto il...

Luisa De Cola prima donna premiata con la medaglia “Giulio Natta”

Luisa De Cola, docente di Chimica generale e inorganica presso il dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università Statale di Milano vince la medaglia “Giulio Natta”...

Articoli Correlati