martedì, 20 Aprile 2021

RadiciGroup investe sulla propria crescita

Oltre 35 milioni di euro di investimento per garantire la crescita, la sostenibilità e l’innovazione nel business. RadiciGroup High Performance Polymers aumenta in maniera significativa la sua capacità produttiva globale con interventi in Nord America, Europa e Cina.

“L’attività di High Performance Polymers rappresenta un business altamente strategico per il Gruppo”, ha dichiarato Maurizio Radici, vice presidente e COO di RadiciGroup. “La struttura della Business Area è contraddistinta da un network di unità produttive e commerciali in Europa, Nord e Sud America e Asia, che consente di soddisfare clienti globali e locali con un’offerta completa, innovativa e sostenibile. Ecco perché abbiamo deciso di rinforzare ulteriormente la nostra presenza attraverso nuove e moderne sedi produttive, incrementando la capacità produttiva e quindi il nostro livello di efficienza in tutto il mondo”.

In Nord America gli aumenti di capacità (+ 20 mila ton/anno) hanno riguardato Radici Plastics Usa e Radici Plastics Mexico (nella foto sopra): in particolare è stata inaugurata la nuova sede messicana con una superficie di 20 mila metri quadrati, necessaria per supportare gli sviluppi in corso e quelli futuri.

In Cina si è dato inizio ai lavori per la costruzione di un nuovo stabilimento di 25 mila metri quadrati (nella foto sotto)  che consentirà un aumento della capacità produttiva di 30 mila ton/anno: un investimento complessivo prossimo ai 20 milioni di euro, nel Parco Industriale del distretto di Suxiang sempre nella città di Suzhou, alla luce delle aspettative di forte crescita del business nell’area Asiatica.

RadiciGroup

Anche in Europa RadiciGroup High Performance Polymers è in continua crescita: un aumento della capacità produttiva di 15 mila ton/anno sta interessando il sito tedesco Radici Plastics GmbH, a completamento dei potenziamenti che hanno riguardato il sito italiano Radici Novacips nel corso degli ultimi due anni. L’Europa resta uno dei mercati centrali per il Gruppo, soprattutto per i settori automotive, elettrico/elettronico, beni di consumo.

Inoltre, a seguito della recente costituzione di Radici InNova – la società consortile di RadiciGroup che si occupa di mettere a fattor comune le attività di ricerca e innovazione delle divisioni del Gruppo, in linea con la sua strategia di sostenibilità declinata sull’economia circolare – RadiciGroup High Performance Polymers ha previsto un potenziamento del suo Centro Ricerca e Sviluppo con l’obiettivo di studiare materiali innovativi e soluzioni applicative sempre più nella direzione della circolarità per mercati e filiere a ridotto impatto ambientale.

“Visti gli sviluppi in corso e i trend di mercato futuri, abbiamo scelto di investire oltre 35 milioni di € distribuendoli su vari siti in diversi Continenti – ha concluso Maurizio Radici – con l’obiettivo di essere proattivi con tutti i nostri clienti ed essere un loro partner strategico, sviluppando insieme le soluzioni del futuro, innovative e sostenibili”.

Ultime News

BASF Italia presenta i risultati economici 2020

In un 2020 caratterizzato fin dall’inizio dell’anno da forti tensioni commerciali internazionali e segnato, a partire da marzo, dal...

Mozzanica: la prevenzione degli incendi nell’industria chimica e farmaceutica

Nelle aziende chimiche e farmaceutiche esistono diversi fattori che possono dar luogo a un incendio. Se il rischio zero è una “utopia scientifica”, si...

IMG ottiene il Cribis Prime Company

IMG ottiene il Cribis Prime Company per l’affidabilità commerciale. Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni commerciali, è l’unica società...

Fisair: gli effetti dell’umidità nelle camere bianche

Dall'età della pietra abbiamo cercato modi per curare la nostra specie. Ogni passo che facciamo ci porta a un altro livello di salute comune...

Un metodo per prevedere la succosità delle arance

Arriva dai laboratori universitari cafoscarini un metodo brevettato per “prevedere” la succosità delle arance senza per questo distruggere una grande quantità di frutti, ma...

Articoli Correlati