martedì, 20 Aprile 2021

PolyREC: un modo per rendicontare il riciclo

Petcore Europe®, PlasticsEurope®, Plastics Recyclers Europe® e VinylPlus® hanno deciso di unire le forze e creare l’organizzazione PolyREC. PolyREC monitorerà, verificherà e riporterà i rispettivi dati di riciclo e utilizzo di riciclato in Europa, sulla base di un sistema comune di raccolta dati – RecoTrace. Il sistema di monitoraggio garantirà tracciabilità, trasparenza e credibilità dei materiali riciclati lungo l’intera filiera delle plastiche.

PolyREC potrà contare su 20 anni di esperienza e competenza di VinylPlus che l’hanno portata adiventare lo standard di settore nella raccolta di dati di riciclo credibili e affidabili tramite Recovinyl®.

“La circolarità delle materie plastiche è un’opportunità determinante per migliorare la sostenibilità dei prodotti”, ha spiegato Brigitte Dero, amministratore delegato di VinylPlusAttraverso VinylPlus. “L’industria europea del PVC, ha compreso l’importanza di monitorare e riportare i progressi compiuti. Siamo quindi lieti di condividere questa lunga esperienza e di lavorare in collaborazione con tutti i settori industriali delle plastiche per incrementare tracciabilità e trasparenza della plastica riciclata lungo la sua intera filiera”.

PolyREC arriva in un momento in cui è fondamentale il monitoraggio della circolarità dei polimeri, soprattutto nel contesto della Circular Plastics Alliance (CPA). Questo sistema sarà in grado di soddisfare gli obiettivi della CPA, le richieste normative di tracciabilità e i grandi impegni di ricicloassunti dall’industria della plastica.

“La creazione di meccanismi che dimostrino in modo trasparente i progressi nel guidare la circolarità delle plastiche è un must se vogliamo raggiungere gli obiettivi dell’UE”, ha commentato Ton Emans, presidente di PRE. “L’annuncio da parte della filiera delle materie plastiche che comprende riciclatori, produttori di materie prime e trasformatori è un passo significativo verso un approccio credibile e sistemico per migliorare realmente produzione, raccolta e riciclo. Questo comune approccio alla raccolta dati è indispensabile per misurare il progresso del settore utilizzando criteri omogenei”.

“Dal momento che sin dagli anni ’90 Petcore Europe è stata pioniera nel monitoraggio del riciclo di PET in Europa, la sua partecipazione a un programma di monitoraggio congiunto delle materie plastiche riciclate per l’UE è sia opportuna che logica.”, ha aggiunto Christian Crépet, amministratore delegato di Petcore Europe.

“Siamo molto lieti di unire le forze con i principali partner della filiera della plastica nella creazione di questo esclusivo sistema di monitoraggio inter-polimero traendo vantaggio dal sistema Recovinyl, collaudato e di lunga data”, ha concluso Virginia Janssens, amministratore delegato di PlasticsEurope. “Sfruttando al meglio la nostra solida esperienza nel fornire dati essenziali sull’industria europea delle materie plastiche, consideriamo questo passo una pietra miliare nel nostro percorso verso la circolarità delle materie plastiche”.

Ultime News

BASF Italia presenta i risultati economici 2020

In un 2020 caratterizzato fin dall’inizio dell’anno da forti tensioni commerciali internazionali e segnato, a partire da marzo, dal...

Mozzanica: la prevenzione degli incendi nell’industria chimica e farmaceutica

Nelle aziende chimiche e farmaceutiche esistono diversi fattori che possono dar luogo a un incendio. Se il rischio zero è una “utopia scientifica”, si...

IMG ottiene il Cribis Prime Company

IMG ottiene il Cribis Prime Company per l’affidabilità commerciale. Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni commerciali, è l’unica società...

Fisair: gli effetti dell’umidità nelle camere bianche

Dall'età della pietra abbiamo cercato modi per curare la nostra specie. Ogni passo che facciamo ci porta a un altro livello di salute comune...

Un metodo per prevedere la succosità delle arance

Arriva dai laboratori universitari cafoscarini un metodo brevettato per “prevedere” la succosità delle arance senza per questo distruggere una grande quantità di frutti, ma...

Articoli Correlati