martedì, 20 Aprile 2021

Molteni avvia il cantiere del nuovo edificio direzionale

In forza del continuativo e positivo ottemperamento alle linee di azione e indirizzo definite dall’accordo di programma sottoscritto, sotto l’egida della Regione, fra l’azienda e le istituzioni del territorio nel maggio 2014, Molteni Farmaceutici ha inaugurato il primo ampliamento immobiliare del proprio sito farmaceutico industriale di Scandicci attraverso l’avvio della costruzione del nuovo edificio direzionale.

Molteni investe nuovamente sul proprio territorio: l’ambizioso progetto di riqualificazione, costituito da un nuovo blocco che correrà lungo la Statale Tosco-romagnola, è destinato ad ampliare la propria disponibilità recettiva di uffici e sarà in grado di riunire presso la sede di Scandicci tutte le unità oggi distribuite in sedi secondarie.  

“Questo è un centro di eccellenza di cui ci sentiamo particolarmente orgogliosi. Come Regione cerchiamo di stare vicino a chi si adopera per lo sviluppo e per una sempre maggiore innovazione nei prodotti della farmaceutica, che sta diventando un aspetto caratterizzante del nostro sistema produttivo e che è veramente di eccellenza in Toscana”, ha spiegato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

“La vicenda Covid insegna che l’evoluzione tecnologica di una civiltà sul piano dei farmaci rappresenta un elemento prioritario nelle prospettive future, ma in questo caso consentitemi anche una nota di campanile: confesso che il fatto di trovare come interlocutori persone legate al territorio e che operano in un ambito, quello farmaceutico, sempre più aperto alla dimensione d’impresa multinazionale, mi dà ancora più fiducia e mi spinge a esservi vicino con un supplemento di entusiasmo per il lavoro che state facendo”.

“Il sindaco di Scandicci, Sandro Fallani, in questi anni ha avuto la capacità di valorizzare l’attività delle imprese – prosegue Giani –  dalla dimensione della moda all’attrazione di investimenti a tutto tondo; oggi attraverso Molteni, è davvero un piacere vedere la farmaceutica inserita nella dimensione di questo sviluppo. Con me c’è l’assessore Monia Monni, insieme cerchiamo di essere vicino alle imprese in questo territorio attraverso un impegno di squadra nelle istituzioni”.

Inaugurazione dello stabile

L’inaugurazione dell’ampliamento di Molteni, conferma Scandicci come territorio dinamico, laborioso e capace di attrarre investimenti”, ha dichiarato  Monia Monni, assessore all’Ambiente. “In questo caso c’è un elemento in più di cui essere orgogliosi: l’ampliamento è stato possibile grazie per una proficua collaborazione tra pubblico e privato, che ha consentito la bonifica di quest’area.”

“L’attuazione dell’accordo, tra Molteni, Comune di Scandicci e Regione Toscana -prosegue Monni- ci ha permesso di rendere nuovamente disponibili questi terreni per le imprese del territorio e renderli attrattivi per nuovi insediamenti. Siamo soddisfatti per il risultato, soprattutto perché questo renderà nuovamente fruibile uno spazio molto importante per la comunità dove sono presenti numerose attività produttive”.

“In un momento così delicato per il nostro Paese e per il nostro territorio la partenza di questo progetto, così fortemente perseguito, vuole rappresentare un segnale di fiducia per il futuro della nostra impresa, nonché un segno tangibile dell’efficacia di un confronto virtuoso e diligente fra le istituzioni e il privato imprenditoriale”, ha concluso Giuseppe Seghi Recli, presidente di Molteni.

“Se è vero che la pandemia ci lascerà nuovi standard di smart working da cui non torneremo indietro, è anche vero che ha evidenziato la necessità di consolidare i propri hub di competenze e di identità delle nostre aziende, rimettendo così in moto, ognuno per la propria parte, la fiducia nelle proprie dinamiche di crescita in un settore della Salute che sarà sempre più cruciale per la sicurezza del nostro Paese”.

La costruzione, che occuperà una superficie di circa 2.800 mq complessivi – suddivisi su 4 piani fuori terra per un investimento complessivo di circa 4 milioni di euro totalmente autofinanziato -, sarà realizzata e classificata in classe A4 secondo le normative di efficienza energetica più avanzate. Le varie soluzioni adottate, come pannelli solari fotovoltaici, raffrescamento passivo per ventilazione dell’involucro, schermature, sistemi ombreggianti, prestazioni degli infissi esterni e verde naturale lavoreranno in sinergia per consentirei più alti requisiti di alta efficienza con un netto risparmio. Parte dell’importante progetto è anche la riqualificazione architettonica ed energetica degli asset esistenti, insieme alla rivisitazione della viabilità e delle aree verdi, con una nuova separazione tra il traffico veicolare leggero e quello pesante.

La fine della prima fase dei lavori, costituita dalla costruzione a grezzo dell’edificio, è pianificata entro Dicembre 2021. 

Ultime News

BASF Italia presenta i risultati economici 2020

In un 2020 caratterizzato fin dall’inizio dell’anno da forti tensioni commerciali internazionali e segnato, a partire da marzo, dal...

Mozzanica: la prevenzione degli incendi nell’industria chimica e farmaceutica

Nelle aziende chimiche e farmaceutiche esistono diversi fattori che possono dar luogo a un incendio. Se il rischio zero è una “utopia scientifica”, si...

IMG ottiene il Cribis Prime Company

IMG ottiene il Cribis Prime Company per l’affidabilità commerciale. Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni commerciali, è l’unica società...

Fisair: gli effetti dell’umidità nelle camere bianche

Dall'età della pietra abbiamo cercato modi per curare la nostra specie. Ogni passo che facciamo ci porta a un altro livello di salute comune...

Un metodo per prevedere la succosità delle arance

Arriva dai laboratori universitari cafoscarini un metodo brevettato per “prevedere” la succosità delle arance senza per questo distruggere una grande quantità di frutti, ma...

Articoli Correlati