martedì, 20 Aprile 2021

L’industria della deformazione a EMO Milano 2021

Il Comitato Deformazione – che raccoglie quasi trenta imprese associate ad UCIMU operanti nel settore della deformazione e lavorazione della lamiera – ha espresso compatto la sua adesione a EMO Milano 2021. 

Durante la riunione, la gran parte dei partecipanti in rappresentanza dei principali player italiani del comparto, e delle imprese leader nella produzione di tecnologie complementari ad esso, ha confermato l’adesione alla mondiale della macchina utensile in programma dal 4 al 9 ottobre 2021 a fieramilano.

UCIMU

“Con questa operazione l’industria italiana costruttrice di macchine utensili per la lavorazione e deformazione della lamiera vuole affermare agli occhi del mondo la propria forza e la propria vitalità”, ha commentato Filippo Gasparini, vicepresidente UCIMU-sistemi per produrre e coordinatore del Comitato.

“Dopo praticamente due anni di assenza dai quartieri espositivi a causa della pandemia, scegliamo EMO Milano 2021 come primo palcoscenico per presentare la nostra offerta al pubblico e lo facciamo con la convinzione di chi sa che otterrà interessanti opportunità di business e, al tempo stesso, contribuirà a rafforzare il ruolo dell’Italia nel settore – tra i leader mondiali per produzione e consumo – e nel panorama internazionale degli organizzatori di eventi fieristici”.

“Siamo orgogliosi di sostenere EMO Milano 2021 con la nostra presenza – ha concluso Filippo Gasparini – certi che avere fiere di successo nel nostro paese significhi assicurare futuro e sviluppo all’industria italiana di settore”.

UCIMU

La conferma della partecipazione da parte della quasi totalità degli intervenuti, che si aggiungono ad una nutrita compagine di imprese che avevano già inviato la domanda, farà sicuramente da traino per le imprese del comparto che non hanno ancora completato le pratiche di adesione, anche perché il momento economico è decisamente favorevole.

Le imprese che parteciperanno a EMO Milano 2021 avranno infatti la possibilità di intercettare la domanda del mercato italiano che può contare su Transizione 4.0, il piano varato dal governo che comprende una serie di incentivi davvero interessanti per chi vuole fare investimenti in nuove tecnologie di produzione da inizio 2021 al 2023. L’effetto di questi provvedimenti è già visibile ma l’effervescenza del mercato si dispiegherà al meglio nei prossimi mesi, coincidendo con il timing della mondiale che si tiene a Milano dal 4 al 9 ottobre. 

Ultime News

BASF Italia presenta i risultati economici 2020

In un 2020 caratterizzato fin dall’inizio dell’anno da forti tensioni commerciali internazionali e segnato, a partire da marzo, dal...

Mozzanica: la prevenzione degli incendi nell’industria chimica e farmaceutica

Nelle aziende chimiche e farmaceutiche esistono diversi fattori che possono dar luogo a un incendio. Se il rischio zero è una “utopia scientifica”, si...

IMG ottiene il Cribis Prime Company

IMG ottiene il Cribis Prime Company per l’affidabilità commerciale. Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni commerciali, è l’unica società...

Fisair: gli effetti dell’umidità nelle camere bianche

Dall'età della pietra abbiamo cercato modi per curare la nostra specie. Ogni passo che facciamo ci porta a un altro livello di salute comune...

Un metodo per prevedere la succosità delle arance

Arriva dai laboratori universitari cafoscarini un metodo brevettato per “prevedere” la succosità delle arance senza per questo distruggere una grande quantità di frutti, ma...

Articoli Correlati