mercoledì, 3 Marzo 2021

Covestro al Formnext Connect virtuale

La presenza di Covestro alla fiera virtuale Formnext Connect 2020, che si terrà dal 10 al 12 novembre 2020, è interamente dedicata alla Circular Economy. L’azienda presenterà prodotti realizzati con materie prime alternative, come plastiche riciclate e prodotti a marchio cardyon® a base di CO2 che contribuiranno allo sviluppo dell’industria della stampa 3D per diventare più circolare. Questo aggiunge un ulteriore aspetto di sostenibilità ai ben noti vantaggi ecologici della produzione additiva – produzione decentralizzata, produzione orientata alla domanda e ai minori sprechi. CovestRo fornirà anche una prospettiva per una gamma versatile di materiali Addigy® per i comuni processi di stampa 3D di Formnext Connect. Gli sviluppi saranno presentati in una sessione interattiva di esperti nello studio virtuale di Covestro il 10 novembre, a partire dalle ore 11:00. “Al giorno d’oggi, le tecnologie di produzione superiori non sono più sufficienti per produrre prodotti veramente sostenibili”, ha commentato Patrick Rosso, Global Head of Additive Manufacturing di Covestro. “Vogliamo aumentare la circolarità dei nostri prodotti preservando le loro eccellenti proprietà. Per questo motivo stiamo attualmente sviluppando nuovi prodotti più sostenibili che sono già in fase di test”.

Espansione sostenibile del portafoglio
Tra questi, ad esempio, i pellet e i filamenti in plastica parzialmente riciclata. Alcune delle materie prime per la plastica riciclata sono rifiuti post-industriali provenienti dagli impianti di produzione di Covestro e possono essere utilizzati come filamenti per la stampa 3D dopo la rilavorazione. Uno dei prodotti sviluppati dalla plastica riciclata è una miscela di policarbonato e, come altri materiali a base di policarbonato, è adatto per applicazioni che richiedono una resistenza alle alte temperature. Altrettanto promettenti come elementi costitutivi dei prodotti sostenibili per la stampa 3D sono i polioli del marchio cardyon®, in cui la CO2 sostituisce alcune delle materie prime petrolchimiche precedentemente utilizzate. Questi possono ad esempio essere utilizzati per produrre poliuretani termoplastici (TPU), che possono essere utilizzati come polveri o filamenti nella produzione additiva.
Inoltre, Covestro sta sviluppando prodotti parzialmente bio-based per la stampa 3D, in cui quasi il 50% del contenuto di carbonio è derivato da biomassa. Uno di questi materiali è già stato utilizzato per la stampa di una soletta per scarpe con la sinterizzazione laser selettiva (SLS). I TPU in genere contribuiscono ad aumentare la sostenibilità nei processi di stampa 3D a base di polvere, poiché fino al 100% della polvere non sinterizzata può essere riutilizzata nel processo a causa della bassa temperatura dell’ambiente di produzione.
“Con i nuovi prodotti, siamo ben posizionati per soddisfare la domanda sempre crescente di materiali sostenibili per varie applicazioni, industrie e processi di stampa”, ha spiegato il Marketing Manager Katinka Honervogt. “Allo stesso tempo, l’espansione riflette pienamente la forte attenzione di Covestro per l’economia circolare”.

L’economia circolare come principio guida globale
Con un programma strategico, Covestro vuole sostenere pienamente i principi dell’Economia Circolare. Così facendo, l’azienda mira ad accelerare il cambiamento verso la circolarità, soprattutto nell’industria chimica e delle materie plastiche, e contribuire all’obiettivo di un’economia neutrale dal punto di vista dei gas serra. L’attenzione si concentra sull’utilizzo di materie prime alternative, sullo sviluppo di tecnologie di riciclaggio innovative ed efficienti, sulla cooperazione intersettoriale con i partner e sull’utilizzo di energie rinnovabili. Covestro è attiva da diversi anni nello sviluppo di materie prime da biomasse, CO2 e rifiuti.
La produzione additiva di parti in plastica viene effettuata in modo sostenibile ed efficiente attraverso processi automatizzati. Questo metodo di produzione genera meno rifiuti rispetto ai processi di produzione convenzionali, soprattutto quando si stampano strutture più complesse. Le piccole stampanti 3D – rispetto alle tradizionali stampanti di produzione – consentono di produrre le parti localmente in qualsiasi parte del mondo, risparmiando sui costi di trasporto. La produzione su richiesta riduce gli sprechi e i livelli di scorte. Considerando lo sviluppo di nuovi materiali basati su materie prime alternative, la produzione additiva offre anche un enorme potenziale per contribuire alla piena riciclabilità e alla chiusura dei cicli di materiali in futuro.

Ultime News

Luisa De Cola prima donna premiata con la medaglia “Giulio Natta”

Luisa De Cola, docente di Chimica generale e inorganica presso il dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università Statale di Milano...

Fluortecno: perfluoroelastomero morbido e chimico resistente

Nel biennio 2001-2002, la G.M.I. di Cividate al Piano (Bergamo) ha guidato una ricerca che ha coinvolto alcune industrie chimiche ed il dipartimento di...

Covestro supera con successo il 2020

Il 2020 – un anno che passerà alla storia – si è concluso in maniera positiva per Covestro, che ha beneficato delle sue coerenti...

CAAST si è trasformata in Società per Azioni

CAAST è un' azienda che opera da 22 anni nel settore della tecnologia dei sistemi di tenuta ed è specializzata anche nella tornitura di...

PVC Academy 2021, focus su Ecobonus al 110%

Dal 2018 il PVC Forum Italia organizza annualmente la PVC Academy. Il fine è quello di offrire un percorso di aggiornamento formativo di livello...

Articoli Correlati