martedì, 20 Aprile 2021

Atlas Copco presenta Cerades™: essiccante solido per i sistemi ad aria compressa

Alcune innovazioni hanno un impatto straordinario. I nuovi CD+ 20-335, dotati della innovativa tecnologia Cerades™ sviluppata e brevettata da Atlas Copco, sono i primi essiccatori ceramici solidi in grado di garantire agli operatori di aria compressa una migliore qualità dell’aria, riduzione dei costi energetici e operativi, nonché benefici per la salute e per l’ambiente.
Fino a oggi, gli essiccatori utilizzavano come materiale essiccante perle libere fluttuanti fatte di allumina attivata oppure setacci molecolari o gel di silicio.

Cerades™, il primo essiccante ceramico solido, è il risultato di anni di ricerca e sviluppo di Atlas Copco, che ha portato a significativi miglioramenti in fatto di design, efficienza e prestazioni degli essiccatori.Cerades™ permette infatti di ridurre i costi di esercizio di un sistema ad aria compressa, che normalmente impattano fino all’80% sui costi complessivi. La struttura interna è reticolare e l’aria compressa scorre attraverso questi passaggi, anziché farsi strada fra migliaia di sfere fluttuanti. In questo modo, l’aria subisce una minor caduta di pressione riducendo significativamente il costo energetico. Grazie all’integrità strutturale e alla lunga durata, Cerades™ offre vantaggi operativi e ambientali.
Le prestazioni di un essiccatore ad adsorbimento con essiccante tradizionale decadono nel tempo in quanto le perle, a contatto con l’aria compressa, rimbalzano ciclicamente compromettendo la qualità dell’aria e richiedendo una manutenzione più frequente. Inoltre, l’essiccante sfuso sgretolandosi rilascia una polvere fine che richiede filtrazione e manutenzione aggiuntive, con conseguente aggravio dei costi di servizio. Questa polvere è un pericolo per la salute e l’ambiente, perché circola nell’aria durante la sostituzione dell’essiccante. Cerades™ è invece in grado di garantire aria con purezza di Classe 2 secondo lo standard ISO 8573-1: 2010 senza ulteriore filtrazione delle particelle. Cerades™ resiste alle vibrazioni e può essere montato orizzontalmente in applicazioni che richiedono un funzionamento in continuo, come ad esempio nel settore dei trasporti.

“Cerades™ è vero un salto di qualità nelle prestazioni dell’aria compressa”, afferma Nuri Köse, Vice President Marketing della divisione Atlas Copco Industrial Air. “I nuovi essiccatori sono migliori di quelli tradizionali da ogni punto di vista e la tecnologia in dotazione ci ha permesso di renderli più compatti ed in grado di gestire un flusso d’aria più elevato.”
“I nuovi CD⁺ Cerades™, annunciati recentemente in tutto il mondo, sono disponibili in Italia da metà giugno. Stiamo organizzando meeting di approfondimento con installatori, distributori e utilizzatori finali, durante i quali i nostri tecnici illustreranno tutte le principali caratteristiche dei nuovi prodotti. Siamo molto entusiasti delle loro potenzialità”, afferma Matteo Busnelli, Business Line Manager di Atlas Copco Industrial Air Italia.
Cerades™ offre un punto di rugiada in pressione da -20° C / -5° F, a -40 °C / -40° F e regolabile, per soddisfare esigenze specifiche, attraverso l’Elektronikon® Touch, il controller che consente agli utenti di massimizzare le prestazioni e l’efficienza dell’essiccatore, in particolare se combinato con il monitoraggio remoto SMARTLINK.

Articolo precedenteMeccatronica Digital Days
Articolo successivoLa Subfornitura – n°4 2020

Ultime News

BASF Italia presenta i risultati economici 2020

In un 2020 caratterizzato fin dall’inizio dell’anno da forti tensioni commerciali internazionali e segnato, a partire da marzo, dal...

Mozzanica: la prevenzione degli incendi nell’industria chimica e farmaceutica

Nelle aziende chimiche e farmaceutiche esistono diversi fattori che possono dar luogo a un incendio. Se il rischio zero è una “utopia scientifica”, si...

IMG ottiene il Cribis Prime Company

IMG ottiene il Cribis Prime Company per l’affidabilità commerciale. Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni commerciali, è l’unica società...

Fisair: gli effetti dell’umidità nelle camere bianche

Dall'età della pietra abbiamo cercato modi per curare la nostra specie. Ogni passo che facciamo ci porta a un altro livello di salute comune...

Un metodo per prevedere la succosità delle arance

Arriva dai laboratori universitari cafoscarini un metodo brevettato per “prevedere” la succosità delle arance senza per questo distruggere una grande quantità di frutti, ma...

Articoli Correlati